Turismo in Spagna Visitare Santiago de Compostela, una guida per visitare e scoprire Santiago de Compostela, Spagna.

Bandiera Spagna

   

Cammino di Santiago di Compostela

Il Cammino di Santiago di Compostela è il lungo percorso che i pellegrini  intraprendono fin dal Medioevo, attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al santuario di Santiago de Compostela, dove si trova la tomba di San Giacomo apostolo.

Le strade francesi e spagnole che compongono l'itineriario sono state dichiarate Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Parlare del Cammino di Santiago de Compostela comporta inevitabilmente il racconto del misto di storia, tradizione e leggenda che accompagna il ritrovamento della tomba di San Giacomo, la notizia del ritrovamento risale al IX secolo.

La tradizione racconta così:

"San Giacomo il Maggiore dopo l'ascesa di Gesù al cielo iniziò la sua opera di vangelizzazione della Spagna spingendosi fino in Galizia, remota regione di cultura celtica all'estremo ovest della penisola iberica. Terminata la sua opera Giacomo tornò in Palestina dove fu decapitato per ordine di Erode Agrippa nell'anno 44; i suoi discepoli con una barca, narra la leggenda, guidata da un angelo, ne trasportarono il corpo nuovamente in Galizia per seppellirlo in un bosco vicino ad Iria Flavia, il porto romano più importante della zona. Nei secoli le persecuzioni e le proibizioni di visitare il luogo fanno si che della tomba dell'apostolo si perdano memoria e tracce. Nell'anno 813 l'eremita Paio, vide delle strane luci a forma di stella sul monte LibredOn dove esistevano antiche fortificazioni probabilmente di un antico villaggio celtico. Il vescovo Teodomiro, interessato dallo strano fenomeno, scoprì in quel luogo una tomba che conteneva tre corpi, uno dei tre aveva la testa mozzata ed una scritta:"Qui giace Jacobus, figlio di Zebedeo e Salom".

Alfonso II il casto (789-842), re delle Asturie e della Galizia, ordina la costruzione sul posto di un tempio, i monaci benedettini nell'893 vi fissarono la loro residenza. Iniziarono così i primi pellegrinaggi alla tomba dell'apostolo (Peregrinatio ad limina Sancti Jacobi), dapprima dalle Asturie e dalla Galizia poi da tutta l'Europa.

Santiago de Compostela (Campus Stellae - Campo delle Stelle) venne distrutta nel 997 dall'esercito musulmano di Almanzor e poi ricostruita da Bermudo II.

Fu per il vescovo Diego Xelmirez ad iniziare la trasformazione della città in luogo di culto e pellegrinaggio, facendo terminare la costruzione della Cattedrale iniziata nel 1075 ed arricchendola con numerose reliquie.

L'icona di Santiago Matamoros

Nella tradizione popolare, e nell'iconografia - soprattutto ispanica - di San Giacomo, è la potente la figura del Matamoros, alfiere soprannaturale, intercessore e vessillo della ribellione della Spagna al dominio islamico.

Profondamente intrecciata alla devozione popolare, infatti, si fece strada una "ideologia" iacobea, accuratamente costruita, in particolare, dal monachesimo cluniacense, e infine potentemente documentata, ad esempio, nel Codex calixtinus, che faceva di Santiago il pilastro soprannaturale della riconquista dell'Europa meridionale dal dominio degli "infedeli" musulmani - ideologia che i pellegrini veicolarono in tutto il continente cristiano, facendo di San Giacomo una sorta di antesignano delle Crociate.

La scena originaria della leggenda epica fu localizzata nella Rioja, attorno al castello di Clavijo, dove Santiago, su un cavallo bianco, avrebbe guidato alla vittoria le armi cristiane di Ramiro I d'Asturias contro i musulmani di Al-Andalus.

Della battaglia, non è neppure certo che sia davvero avvenuta - come del resto quella di Roncisvalle.

Tuttavia, nacque da questa leggenda la tradizione, asseverata da un decreto apocrifo attribuito al medesimo Ramiro I, di un tributo annuo di primizie di grano e vino, dovuto da tutta la Spagna "para el mantenimiento de los cannicos que residen en la iglesia del bienaventurado Santiago y para los ministros de la misma iglesia"

Le vie verso Santiago de Compostela

Storicamente, le vie degli stranieri verso Santiago furono anche marittime, soprattutto in primavera-estate, ed è anzi diffusa l'opinione che per mare fosse arrivata nella Francia carolingia la notizia della tomba dell'apostolo, e che i primi pellegrini arrivassero proprio dal mare: ci sono testimonianze di viaggi dall'Inghilterra verso A Corugna, nel XIII secolo, che duravano solo quattro giorni, e certamente il percorso marittimo era il meno rischioso, se fatto nella buona stagione, in tempi di strade assai insicure e di abitati scarsi e lontani tra loro.

La Ruta de la Costa, cioè la via di Santiago lungo la costa cantabrica, è la principale traccia del cammino più antico, a testimoniare che i pellegrini arrivavano a Santiago da porti atlantici, anche più ad est di A Corugna (praticamente dalla Francia alla Galizia).

Le principali vie di terra che convergevano verso Santiago sono descritte nel Codex calixtinus (il Liber Sancti Jacobi) ed erano - e sono ancora:

  • dall'Italia, la via Francigena (con una variante costiera che si diramava lungo la costa da Pontremoli) e poi la via Tolosana fino ai Pirenei;

Dalla Francia, le vie erano diverse e, a partire dal sud, si potevano percorrere:

  • la via Tolosana, la più meridionale, da Arles attraverso Tolosa; questo cammino era utilizzato anche dai pellegrini tedeschi provenienti dalla Oberstrasse, e passava i Pirenei a Somport (Huesca)
  • la via Podense, da Lione e Le Puy-en-Velay, che passava i Pirenei a Roncisvalle
  • la via Lemovicense, da Vuzelay, per Roncisvalle
  • la via Turonense, da Tours e Roncisvalle, che raccoglieva i pellegrini che arrivavano dall'Inghilterra, dai Paesi Bassi e dalla Germania del nord lungo la Niederstrasse.

I due passi più frequentati sui Pirenei erano dunque Roncisvalle e Somport.

La via che va da Roncisvalle a Estella è ancora detta, in spagnolo, Camino franc�s, mentre quella che passa i Pirenei a Somport si chiama Camino aragon�s.

  • Lungo il Camino aragon�s i principali paesi attraversati sono Yesa, Sang�esa, En�riz.
  • Lungo il Camino franc�s il principale paese che si incontra � Pamplona.

Per qualunque cammino arrivassero i pellegrini comunque, il punto di raccolta era il Puente la Reina.


Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583