Turismo in Spagna Visitare Siviglia, una guida per visitare e scoprire Siviglia, Spagna.

Bandiera Spagna

   

Storia della città di Siviglia

La tradizione afferma che la città di Siviglia fu fondata dalla popolazione dei Tartessi verso il XIII secolo AC e successivamente occupata dai Fenici e dai Cartaginesi.

I Romani la chiamarono Hispalis e fondarono nelle sue vicinanze la città di Italica nel 206, di cui restano solo rovine.

.

Nel 712 fu conquistata dagli Arabi che le diedero il nome di IshbÄ«liya, dal quale deriva il nome attuale. Fu successivamente la capitale dei uno dei regni di taifa più potenti.

I cristiani riconquistarono la città nel 1248 durante il regno di Fernando III di Castiglia.

Durante il periodo dell'impero spagnolo fu il principale porto di collegamento con il nuovo mondo, a quel periodo risale l'archivio delle indie, arrivando a raggiungere i 100.000 abitanti diventando la città più grande della Spagna.

Nel 1929 fu sede dell'Esposizione Iberoamericana e nel 1992 dell'Esposizione Universale.

La Piazza de España è il monumento che resta dell'esposizione del 1929, mentre della Expo 92 restano gran parte delle installazioni che sono state riconvertite nel parco tematico della Isola Magica e il monumentale ponte sul fiume Guadalquivir opera dell'architetto Santiago Calatrava.

NO8DO è il motto e il logotipo del comune di Siviglia (Spagna). Consiste in un rocchetto (in spagnolo Madeja) di filo racchiuso da due sillabe (NO8DO). Si legge come NO-MADEJA-DO, che è l'espressione fonetica sivigliana della frase "No me ha dejado", "Non mi ha abbandonato".

Tradizionalmente è associato alla leggenda che vuole che il re Alfonso X, che vi aveva trovato rifugio, riconoscesse nel 1283 il diritto alla città di fregiarsene sullo stemma per esserli stata fedele nella guerra di successione che lo vedeva opposto al figlio secondogenito, Sancho IV.

Torna alla pagina su Siviglia


Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583